Parodontologia

La parodontologia è una disciplina odontoiatrica che si rivolge alla prevenzione, diagnosi, cura e mantenimento in stato di salute di tutti i tessuti del parodonto, ovvero i tessuti molli e duri che supportano i denti ( gengiva, osseo alveolare, legamento parodontale, cemento radicolare).

La malattie parodontali sono molto diffuse, di solito colpiscono le persone tra i 35 e i 65 anni e sono la causa principale della perdita di denti negli adulti.

Come si manifesta la parodontite o piorrea?

Nelle fasi iniziali spesso non sono evidenti segnali di allarme particolari, come ad esempio dolore o altri fastidi importanti.
Il decorso è praticamente asintomatico, per questo il paziente tende a trascurare il problema e a non effettuare un controllo presso il proprio dentista, con conseguente evoluzione della malattia.

La parodontite è una patologia cronica, molto seria, che non guarisce spontaneamente e, per evitare la perdita dei denti, deve essere curata in tempo e in maniera adeguata.

Come riconoscerla?

Ci sono delle avvisaglie legate a questo disturbo che non devono essere sottovalutate e che vanno riferite al proprio dentista:

  • gengive arrossate, gonfie e sanguinanti;
  • recessione gengivale;
  • ipersensibilità gengivale e dentale al caldo e al freddo;
  • alitosi;
  • mobilità di alcuni denti.

Quali sono le conseguenze della parodontite?

Cosa succede quando si innesca la malattia parodontale?

Se non trattata per tempo e in modo adeguato, si assiste di solito ad un processo infiammatorio a carico della gengiva con formazione di “tasche parodontali”, che determinano uno spostamento della giunzione tra dente e gengiva, con successiva perdita del dente.

In cosa consiste la terapia della malattia parodontale?

La prima cosa da fare è rimuovere la placca batterica dalle pareti dei denti e dal colletto gengivale, tramite una buona e completa detartrasi.

Nei casi più gravi e complessi, è utile eseguire una meticolosa levigatura radicolare.

Come prevenire la parodontite?

È evidente che il modo migliore per prevenire complicanze e diagnosticare per tempo la malattia sia quello di adottare un’attenta e meticolosa gestione domiciliare delle corrette manovre di igiene orale.

È fondamentale inoltre che il paziente si sottoponga periodicamente a visite di controllo specialistiche.

La maggioranza dei pazienti affetti da malattia parodontale, se collaboranti e sottoposti ad una adeguata terapia, riescono a mantenere i denti per tutta la vita.

Nei pazienti più refrattari alla terapia e meno collaborativi è comunque possibile rallentare la progressione della stessa.

Evidenze scientifiche dimostrano che esiste una stretta correlazione tra la parodontite e alcune malattie sistemiche (malattie cardiovascolari, arteriosclerosi, diabete, patologie polmonari) e complicanze ostetriche (parti prematuri).

Conoscere la cause e il decorso delle malattie parodontali è quindi importantissimo per adottare le giuste misure di prevenzione non solo per la salute del cavo orale, ma per l’intero organismo.

L'articolo ti è stato utile? Condividilo!